viabilitàX municipio

La Via Ostiense vietata a bici, moto e scooter

Via Ostiense dissestata: strada vietata a bici, moto e scooter per motivi di sicurezza: il tratto chiuso, fino all’avvio dei lavori “la cui data non è al momento definibile”, è lungo tre chilometri e mezzo

.

Dal 16 agosto e fino all’esecuzione dei lavori previsti dal dipartimento SIMU (Sviluppo Infrastrutture e Manutenzione Urbana) tre chilometri e mezzo della via Ostiense saranno vietati a scooter, moto e biciclette. Il tratto interessato è quello che va da via Capitan Consalvo all’incrocio con via di Castel Fusano, dal chilometro 27 e 100 al chilometro 23 e 600.

Alla base della decisione del comandante Stangoni c’è una nota dello stesso dipartimento che sollecitava un provvedimento finalizzato a “interdire il transito ai mezzi a due ruote , nel tratto di strada di Via Ostiense”. La stessa nota del dipartimento in qualche modo fissa i tempi, rendendoli indefiniti ovvero fino “all’avvio della successiva fase esecutiva degli appalti, la cui tempistica non è – allo stato attuale definibile con accettabile grado di attendibilità”.

Il provvedimento ha avuto anche l’assenso del Dipartimento Mobilità e Trasporti che ha concesso il nullaosta “a salvaguardia della pubblica incolumità”. Il provvedimento era stato sollecitato, un anno fa, dalla presidente del X municipio Giuliana Di Pillo, all’indomani dell’incidente costato la vita alla giovane Elena Aubry. La madre della giovane aveva accusato le buche di Roma, e in particolare quelle della via Ostiense, della morte della figlia.

Di Pillo, un mese dopo l’incidente, sollecitando la chiusura del tratto di strada disse: “Anche io vado in scooter, so cosa vuol dire passare per quel tratto. Non è sicuro”. A luglio 2018, rispondendo a RomaToday sullo stato dell’iter per la chiusura, rispose così: “Il Dipartimento Simu e la Polizia Locale, pochi giorni fa, hanno fatto un sopralluogo e presto stileranno una relazione. L’iter per la chiusura dell’Ostiense prosegue”.

Tredici mesi dopo è giunto a compimento. Tredici mesi dopo è giunto a compimento. L’Ostiense chiude alle due ruote. Dei lavori neanche l’ombra e la mini sindaca di Ostia Di Pillo, a RomaToday commenta: “È una mia vecchia battaglia, ho insistito molto affinché quel tratto di strada venisse interdetto a motorini e moto fino al momento in cui non si riasfalterà la strada. Non ci fermiamo e non si ferma però la battaglia affinché il Simu faccia il prima possibile i lavori di riasfaltatura”.

da www.romatoday.it

Lunedì 19 agosto 2019