Biciclettarisparmio energeticoRomasostenibilitàtrasporti

Jump, il bike sharing elettrico di Uber a Roma

A Roma il servizio di bike sharing elettrico di Uber: 2800 biciclette per coprire tutto il centro di Roma

Uber sbarca in Italia con Jump, il servizio di bike sharing. La società ha scelto Roma per il debutto del servizio nel nostro Paese, la città probabilmente più evocativa e turistica d’Italia ma che, per la grande estensione e i profili mossi dai sette colli, potrebbe non sembrare lo scenario migliore per girare in bicicletta. Ma la scelta di Uber è quella di allestire solo flotte di biciclette elettriche a pedalata assistita, mezzi in grado di ammorbidire molto distanze e pendenze, rendendo lo spostamento a Roma a colpi di pedale decisamente indolore.

La flotta al debutto, che ha visto l’inaugurazione con la sindaca Virginia Raggi, sarà composta inizialmente da 700 biciclette, che però diventeranno 2800, quattro volte tanto, nel giro di poche settimane.

Il pacco batteria estraibile permetterà agli addetti di ripristinare la carica delle biciclette non appena ce ne fosse bisogno (le esperienze delle altre città dicono che il cambio batterie avviene ogni giorno e mezzo circa); la localizzazione GPS e la connessione 4G fa sì che la gestione sia totalmente free floating (ovverosia si possa parcheggiare quasi dove si vuole e non nelle stazioni prefissate) purché all’interno dell’area operativa, che peraltro è vasta, arrivando anche a zone meno centrali come l’EUR, Monteverde Nuovo e Fleming.

Si tratta di mezzi molto belli, più simili a motorini elettrici che a biciclette (malgrado il telaio sia in alluminio, il peso supera i 30 kg); non manca poi un porta smartphone, perfetto per la funzione di navigazione.

Per localizzare i mezzi disponibili e iniziare il noleggio, si usa la app di Uber, la stessa che si utilizza per i trasporti in auto; il pagamento segue le modalità abituali di Uber, come anche l’account utilizzato è il medesimo.

Contrariamente ad altri sistemi di bike sharing free floating, Jump di Uber prevede che le biciclette possano essere legate a un palo o a una rastrelliera con il lucchetto integrato nella parte posteriore, e questo a cura di chi termina il noleggio; malgrado ciò, è anche possibile parcheggiare la bicicletta semplicemente legandola a se stessa. Un po’ con questo aspetto e un po’ con il peso stesso della bicicletta, che non è proprio trascurabile: così Uber spera di arginare i fenomeni di incivile vandalismo che hanno caratterizzato i mezzi di altri gestori, che addirittura dopo poco tempo hanno deciso di interrompere il servizio.

Zoomando il centro di Roma si trovano tante zone in cui è vietato il parcheggio della bicicletta per motivi “urbanisitici”

Non c’è dubbio che quello di Jump, rispetto a quello che sono stati Mobike, Ofo e simili, si proponga come un servizio “di lusso”; e non solo per la disponibilità esclusiva di mezzi a pedalata assistita, ma anche per i prezzi, almeno quelli previsti a Roma, capaci di tagliare a monte una certa fascia d’utenza: il costo del noleggio è di 0,2 euro a minuto, con un extra allo sblocco della bici di 50 centesimi (BikeMi a Milano, tanto per fare un esempio, anche se non è free floating, costa 0,25 in totale per la prima mezz’ora con le bici a pedalata assistita).

Tra l’altro il tempo di noleggio decorre sin dal momento di un’eventuale prenotazione e prosegue in eventuali “pause” che possono durare al massimo 60 minuti. Si parla quindi di costi comparabili a quelli del car sharing (Enjoy costa 0,25 a minuto, per esempio) però in questo caso per un mezzo monoposto; il vantaggio, soprattutto per la realtà romana, è da ricercare nella facilità quasi deterministica di trovare parcheggio nei pressi della destinazione e in tempi brevi, cosa che con in auto è tutt’altro che scontata. Volendo – ma proprio volendo – è anche possibile parcheggiare fuori dall’area operativa con un aggravio di costo di 25 euro, qualcosa che assomiglia di più a una “multa” che a una tariffa. Lo stesso costo viene applicato in caso di parcheggio in zone vietate (identificate sulla mappa presente sull’app e ben segnalate al momento della chiusura del noleggio), che sono purtroppo abbastanza presenti nel centro storico.

Nei costi di noleggio è già compresa un’assicurazione responsabilità civile verso terzi, che mette al riparo il noleggiatore da eventuali costi per danni a terzi che dovessero verificarsi nell’utilizzo della bicicletta; va detto però che in questa polizza non sono coperti i danni alla bici Jump vera e propria, se arrecati per negligenza del cliente, mentre sono garantiti i danni accidentali e causati nel normale e corretto utilizzo del mezzo: le proverbiali buche di Roma così fanno un po’ meno paura…

È chiaro che con queste tariffe non si possa prendere una Jump per percorrere grandissime distanze (praticamente la velocità massima è di 25 km/h oltre i quali per legge si interrompe l’erogazione del motore elettrico). Ma il servizio, proprio perché free floating e con 2800 biciclette in campo, va pensato come complementare alle altre modalità di spostamento: la soluzione è ideale, per esempio, per percorrere l’ultimo miglio dopo aver utilizzato i mezzi pubblici; o integrandone l’uso con taxi o gli stessi mezzi Uber Black.

I prezzi non devono comunque spaventare: potrebbero arrivare delle attività promozionali da Uber finalizzate a creare dei pacchetti di minuti a prezzo più conveniente per gli utenti che, provata la bicicletta, la trovassero una soluzione da utilizzare abitualmente.

Va detto che Jump (acquisita da Uber a metà 2018), è già operativa in una ventina di città negli Stati Uniti, mentre in Europa ha dimostrato una certa predilezione per le capitali: tra la decina di città attive, ci sono Berlino, Madrid, Parigi, Londra, Lisbona, Bruxelles. In Europa i prezzi sono simili a quelli proposti per Roma: a Berlino, per esempio, allo sblocco viene tariffato 1 euro e il costo a minuto è di 0,15 euro. Anche negli Stati Uniti siamo nell’intorno delle tariffe italiane (che restano comunque più alte): a San Francisco il servizio costa 3 dollari per i primi 20 mimuti (cioè 0,15 al minuto)

da www.dday.it

Lunedì 21 ottobre 2019