AmbientericicloRifiuti

E’ iniziata la Settimana Europea per la Riduzione dei Rifiuti

La SERR è una delle principali campagne internazionali per promuovere la prevenzione dei rifiuti attraverso azioni di sensibilizzazione organizzate durante una sola settimana a novembre.

L’obiettivo di queste azioni è modificare i comportamenti che circondano i modelli di consumo e le abitudini di produzione dei rifiuti per raggiungere gli obiettivi in materia di rifiuti e clima.

I partecipanti sono diversi come scuole, pubbliche amministrazioni, imprese, associazioni/ONG e cittadini. La SERR li riunisce per agire a diversi livelli: locale, regionale, nazionale e internazionale.

Nel 2020 saranno realizzate 10.689 azioni grazie agli sforzi di 38 coordinatori nazionali e regionali in 32 paesi.

Ogni anno la SERR seleziona un aspetto specifico della riduzione dei rifiuti su cui concentrarsi. Per la 12a edizione, il tema scelto è il rifiuto invisibile, ovvero quel rifiuto che è nascosto alla maggior parte di noi perché si genera durante la lavorazione dei prodotti. Questo tema evidenzia la necessità di prevenire gli sprechi lungo tutto il ciclo di vita di un prodotto, sfidando i partecipanti a rendere visibili i rifiuti invisibili e conoscere il “peso reale” che portano a casa dopo un acquisto.

Quello che vedi infatti,  non è sempre il peso di un oggetto. Esistono infatti i rifiuti invisibili, cioè la grande quantità di rifiuti generati durante il processo di fabbricazione dei prodotti. ⁣
Gran parte dei rifiuti invisibili non può essere riciclata e finisce in discariche e inceneritori. La loro impronta di carbonio, che misura l’impatto delle attività umane sull’ambiente e in particolare sul clima globale, si misura in kg di CO2 equivalente. ⁣
Per esempio ogni computer genera una quantità di rifiuti che noi consumatori non vedremo mai e che equivale a 1200 chili per una impronta ecologica di 210 chili di CO2, secondo Avfall Sverige. ⁣
Quella dei rifiuti è una sfida che coinvolge tutti, dai produttori ai consumatori, e per questo sono necessari un maggiore senso di responsabilità. L’obiettivo è risparmiare in materie prime, in energia, in acqua per quei prodotti che, come sappiamo, sono costruiti con un largo consumo di queste preziose risorse. ⁣
È importante che i consumatori sappiano quanti chili di scarti in più vengono generati da modelli di produzione e consumo poco o per nulla sostenibili. Proprio per questo nasce la Settimana Europea per la Riduzione dei rifiuti, @2ewwr , un’iniziativa della Commissione Europea per promuovere la realizzazione di azioni di sensibilizzazione per la riduzione dei rifiuti.⁣
Per una produzione e un consumo sostenibili, i prodotti devono avere una vita utile più lunga, essere più facili da riparare e riciclare. Dalla produzione alla fine del ciclo di vita, ogni prodotto ha un impatto sull’ambiente. Prima di acquistare qualcosa di nuovo, la prima cosa a cui pensare dovrebbe essere: ne ho davvero bisogno? Perché non noleggiare o acquistare un prodotto di seconda mano? ⁣

Le azioni attuate durante la SERR riguardano la “3R”: riduzione, riuso e riciclo. Seguendo questa gerarchia, la riduzione dei rifiuti dovrebbe essere sempre la prima priorità. Ridurre vuol dire in primo luogo effettuare una rigorosa prevenzione e riduzione alla fonte. La seconda migliore opzione è quella di riutilizzare i prodotti. Questo include anche la preparazione per il riutilizzo. Infine, la terza priorità è il riciclo dei materiali.

Alle 3R si aggiungono le azioni di Clean-up.

Riduzione dei rifiuti in diverse situazioni

Al lavoro

Stampa solo le pagine di cui hai veramente bisogno e usa l’opzione “recto-verso” sulla tua stampante.

Ricordarsi di restituire le cartucce vuote all’azienda fornitrice per essere ricaricate. Oltre a rispettare l’ambiente, questa azione su piccola scala genera attività e quindi aiuta a creare nuovi posti di lavoro.

In ufficio, porta la tua tazza! In questo modo risparmierai di riempire il cestino della carta straccia con bicchieri di plastica.

Perché non tenere la carta da ufficio usata in un cassetto in modo da poterla riutilizzare per le bozze?

Scegli con cura le tue forniture per ufficio, dando la priorità alla cancelleria ricaricabile o riutilizzabile, ai materiali riciclati o riciclabili e ai prodotti con marchio di qualità ecologica europea!

Pensa all’acquisto di caffè o tè in una confezione grande piuttosto che in confezioni piccole; produrrai meno rifiuti e risparmierai denaro.

Pensa di dare apparecchiature elettroniche usate alle associazioni, che possono darle una seconda vita.

Durante i pasti

Scegli di cucinare con alimenti freschi; in questo modo mangerai in modo sano e risparmierai molti rifiuti di imballaggio rispetto a un piatto pronto troppo confezionato.

Ricorda di utilizzare quei prodotti che hanno una data di scadenza breve. Prendersi più cura dei prodotti deperibili, ad esempio, mettere i prodotti con una breve data di scadenza nella parte anteriore del frigorifero o dell’armadio è un modo semplice per tutti per ridurre la produzione di rifiuti.

Riempi una brocca di acqua del rubinetto! Risparmierai i soldi che avresti speso per acquistare una confezione di acqua in bottiglia e limiterai la quantità di plastica sprecata!

Quando si va a fare un picnic, portare con sé contenitori ermetici per il cibo, boccette e posate di tutti i giorni. In questo modo ci sarà meno spazzatura alla fine del picnic, che ovviamente verrà gettata nel bidone più vicino, o meglio ancora portata a casa per la separazione e lo smaltimento.

Shopping

Scegli prodotti dotati di etichette ecologiche. Le etichette ecologiche europee o nazionali sono certificazioni ufficiali che garantiscono la qualità dei prodotti e il loro ridotto impatto sull’ambiente durante tutto il loro ciclo di vita. Diverse centinaia di prodotti (inclusi quaderni scolastici, sacchetti della spazzatura, prodotti per la casa, filtri per il caffè …) sono disponibili con etichette ecologiche, quindi tienili d’occhio!

Scegli prodotti con meno imballaggi ed evita i prodotti usa e getta monouso. Dal momento dell’acquisto, spesso puoi scegliere un prodotto che genererà meno rifiuti. Risparmierai materie prime e contribuirai a ridurre l’inquinamento generato dal processo produttivo. Puoi anche risparmiare denaro!

Scegli di acquistare prodotti all’ingrosso. Spesso risulta meno costoso e aiuta a ridurre al minimo i rifiuti di imballaggio. L’imballaggio rappresenta il 23% del peso dei nostri rifiuti domestici e una parte significativa del volume del tuo cestino.

Acquista in quantità adatte alle tue esigenze Acquistare una quantità di cibo che si adatta bene alle tue esigenze ti consente di evitare di produrre rifiuti ma anche di non dover buttare i prodotti che hai pagato, risparmiando

Optare per sacchetti riutilizzabili per la spesa. I sacchetti usa e getta dei centri commerciali vengono utilizzati in media per 20 minuti prima di essere gettati via. Non solo diventano rifiuti molto rapidamente, ma se non smaltiti con cura possono inquinare la campagna e il mare. I sacchetti di plastica che finiscono in mare possono uccidere tartarughe marine, delfini o squali che li confondono con le meduse e li ingoiano.

Scegli prodotti eco-ricaricabili. Le ricariche ecologiche sono spesso disponibili per prodotti per la casa, cosmetici e alcuni prodotti alimentari.

Tempo libero

Risparmia batterie: a casa, collega i tuoi piccoli elettrodomestici alla corrente o usa batterie ricaricabili … risparmierai anche denaro.

Cerca di evitare acquisti non necessari di prodotti, soprattutto in occasione di festività e festività: individua gli articoli di cui hai veramente bisogno per evitare acquisti eccessivi di cibo, decorazioni e regali

La prossima volta che hai un regalo di compleanno da acquistare, perché non ricevere un regalo “smaterializzato”, come i biglietti per uno spettacolo o un concerto in zona, oppure un abbonamento, un massaggio, lezioni di cucina… piacere senza sprechi!

A scuola

Quando si tratta di acquistare nuovo materiale scolastico, controllare le condizioni della cancelleria e dei materiali rimasti dall’anno precedente, per vedere se possono essere riutilizzati. Per quegli articoli che devono ancora essere acquistati, opta per materiali dotati di un’etichetta ecologica o quelli che sembrano durevoli e resisteranno a qualche graffio!

Optare per cancelleria ricaricabile che può essere conservata a lungo.

All’ora dello spuntino, porta il cibo in una vasca per ferramenta riutilizzabile e la bevanda in una borraccia.

Aiuta a ridurre lo spreco di carta scrivendo su entrambi i lati della pagina

Fai da te

Perché non affittare o prendere in prestito i materiali di cui hai bisogno?

Richiedi una raccolta speciale per i tuoi rifiuti pericolosi.

Per qualsiasi rifiuto chimico da lavori fai-da-te, come prodotti per la casa, batterie o illuminazione di strisce … ecc. portarli al più vicino punto di raccolta.

Giardinaggio

Perché non affittare gli attrezzi da giardinaggio di cui hai bisogno solo occasionalmente o prenderli in prestito da un vicino?

Pensa all’acquisto di un fertilizzante naturale

Sito web: https://ewwr.eu/ita-settimana-europea-per-la-riduzione-dei-rifiuti/

 

Giovedì 26 novembre 2020