News

Leggile tutte
Ti trovi in: Home  »  raquo; News  »  Roma-Lido, guasto sul treno: passeggeri costretti sui binari
Condividi su  Facebook Condividi su  Twitter Consiglia la pagina

Roma-Lido, guasto sul treno: passeggeri costretti sui binari

Un déjà vu. L'ennesimo che riguarda i problemi della Roma-Lido.

Il treno MA231, tra le stazioni di Tor di Valle e Vitinia, il 17 sera per un guasto si è rotto abbandonando i pendolari che sono stati così "costretti" a percorrere parte dei binari a piedi. Tra sassi, erbacce e senza navette sostitutive pronti ad accoglierli.
Una odiessea iniziata alle 19. La 'Feccia del Male' parte puntuale dalla stazione di Piramide, dopo 12 minuti però il mezzo Atac di ferma. Sembra un "normale" intoppo momentaneo ma così non è. "Si avvisano i gentili viaggiatori che stiamo facendo delle prove per ripartire", annuncia il macchinista dall'altoparlante dopo 15 minuti di incertezza.
Nel frattempo i tecnici, che attraversano internamente i convogli, le provano tutte. Manovre di spegnimento ed accensione come si fa quando un'auto ha la batteria scarica, apertura dei portelloni, riavviamento del quatro elettrico. Non c'è nulla da fare, il trenino non ne vuole sapere. I pendolari, mani nei capelli, iniziano ad agitarsi come leoni in gabbia, cercando risposte ed avvisando amici e parenti a casa.
Alle 19:31 si accendono di nuovo le luci nel convoglio. Gli utenti esultano, ma è solo una pia illusione. "Ci dispiace per l'inconveniente, stiamo cercando di ripristinare il treno", si sente ancora dall'altoparlante alle 19:37. Alle 19:45 il treno riprende la marcia per una decina di metri. E' l'ultimo respiro di un convoglio ko, come gran parte della gestione della Roma-Lido.
Alle 20 i passeggeri vengono invitati dal personale Atac ad "evacuare". Gli utenti, con il cellurare in mano per documentare l'ennesima odissea sul trenino che collega Roma ad Ostia in entrambe le direzioni, si incamminavano così sui binari per raggiungere la stazione di Vitinia distante circa un chilometro dal luogo del guasto.
Anche lì un'altra sorpresa: nessuna navetta era ad accogliere gli utenti che, anzi, hanno dovuto aspettere altri 45 minuti per far ritorno verso casa. Conseguenti i disagi su tutta la tratta. Da Piramide e da Cristoforo Colombo i convogli sono rimasti bloccati fino nuovo ordine. Alle 21:15 il servizio è quindi tornato alla "normalità". In attesa di un altro capitolo dell'odissea sulla Roma-Lido.

18 maggio 2016
da www.romatoday.it

Chiedi informazioni Stampa la pagina