News

Leggile tutte
Ti trovi in: Home  »  raquo; News  »  Un emendamento al ddl di Stabilità potrebbe salvare le concessioni demaniali marittime
Condividi su  Facebook Condividi su  Twitter Consiglia la pagina

Un emendamento al ddl di Stabilità potrebbe salvare le concessioni demaniali marittime

Ostia, sanatoria spiagge e salva concessioni: il Lungomuro resta in piedi

Il lungomuro di Ostia è salvo? E' questo lo scenario che si potrebbe configurare secondo un emendamento firmato dai senatori Bruno Mancuso e Marcello Gualdani di Area Popolare (Ncd-Udc). Una proroga per le concessioni demaniali marittime. La proposta di modifica prevede che "nelle more del riordino della materia venga estesa di due anni la sanatoria sancita dalla manovra 2014, facendovi rientrare i procedimenti pendenti fino al 30 novembre 2015".
"Fino al 31 dicembre 2016 sono sospesi gli eventuali procedimenti amministrativi e i relativi effetti, avviati dalle amministrazioni competenti, concernenti il rilascio, la sospensione, la revoca o la decadenza della concessione demaniale marittima derivanti dal mancato versamento del canone, nonché i procedimenti amministrativi finalizzati alla devoluzione delle opere non amovibili di cui all'articolo 49 del regio decreto 30 marzo 1942, n. 327. - si legge nella proposta - Fino alla stessa data i suddetti procedimenti amministrativi non possono essere avviati a carico dei titolari di concessioni oggetto di definizione ai sensi del presente comma".
All'emendamento si sono accodati anche Pd, Ncd e Forza Italia. In sostanza viene suggerito un allungamento della sanatoria sugli stabilimenti balneari colpiti da procedimenti amministrativi e criticità accessorie al mancato versamento dei canoni di concessione. Insomma una brusca frenata agli interventi messi in atto dall'Agenzia del Demanio, dalla Capitaneria di Porto e della Polizia Locale nel X Municipio che in questi giorni hanno controllato, multato o addirittura squestrato, parzialmente, diversi lidi di Ostia.
Negli ultimi giorni accertamenti erano stati fatti accertamenti anche presso gli stabilimenti Tibidabo Beach, il Lido e il V-Lounge. Tranne qualche tettoia fuori norma o qualche passerella di troppo, però, non si era passati al sequestro delle intere strutture. Sanzioni per La Casetta, il Salus, Le Dune e il Bettina. Particolare, invece, la questione dello Shilling-La Rotonda prima sequestrato e poi dissequestrato nel giro di pochi giorni.
Meno di un mese fa, per altro, l'ex assessore alla Legalità di Roma Alfonso Sabella, davanti alla Commissione parlamentare Antimafia, fu chiaro: "Ho fatto verificare tutte e 71 le concesssioni di Ostia e ho trovato tantissime irregolarità e violazioni palesi, che dovrebbero portare alla revoca o alla decadenza di concessioni. Ho fatto il gravissimo errore di rimandare tutto al primo ottobre, per non pregiudicare la stagione estiva. Poi i fatti di mafia capitale mi hanno impedito di portare a termine quel lavoro".
La sanatoria-spiagge il 15 dicembre è stata approvata in commissione Bilancio della Camera. Inevitabile la polemica. Ad alzare la voce soprattutto il Movimento 5 Stelle che, con l'ex capogruppo nel parlamentino di Ostia sciolto per mafia Paolo Ferrara attacca: "Il Movimento 5 Stelle protegge gli imprenditori onesti e chi rispetta la legge. Il partito democratico insieme al partito di Berlusconi e Nuovo Centro Destra no. Un emendamento approvato in commissione bilancio blocca tutti i procedimenti amministrativi pendenti su rilascio, sospensione, revoca e decadenza delle concessioni anche per il mancato pagamento del canone demaniale".
L'attacco dei pentastellati, però, non finisce qui. I membri M5S della commissione Antimafia avvertono: "Alla luce di quanto è stato approvato in commissione Bilancio, nello specifico di un emendamento pro balneari che sospende fino al 30 settembre 2016 le revoche delle concessioni agli stabilimenti balneari che non versano il canone demaniale allo Stato, chiediamo che la commissione Antimafia e la presidente Bindi, nella fattispecie di Ostia, si esprimano su quello che sembra un favore cucito su misura per alcuni soggetti e concessionari di dubbia integrità giuridica".

16 dicembre 2015
da www.romatoday.it

Chiedi informazioni Stampa la pagina