News

Leggile tutte
Ti trovi in: Home  »  raquo; News  »  Maxi operazione dei carabinieri di Ostia: 22 arresti
Condividi su  Facebook Condividi su  Twitter Consiglia la pagina

Maxi operazione dei carabinieri di Ostia: 22 arresti

Massiccia azione di prevenzione e repressione dei furti e delle rapine dei carabinieri della compagnia di Ostia

Nel corso di una massiccia operazione volta alla prevenzione e repressione dei reati contro il patrimonio i militari della compagnia di via dei Fabbri navali hanno arrestato, tra le altre, 9 persone per furto di energia elettrica all’Idroscalo, 2 fratelli per quello di gas con il quale mandavano avanti il loro ristorante, e inoltre rapinatori, topi d’auto e ladruncole. Aggredito un militare, mentre un uomo è stato ferito con una mannaia durante una rapina
Massiccia azione di prevenzione e repressione dei furti e delle rapine dei carabinieri della compagnia di Ostia impegnati negli ultimi quattro giorni in un’operazione specifica su tutto il territorio di competenza. A finire in manette 22 persone per aver commesso reati contro il patrimonio ad Ostia, Casalpalocco, Acilia, Ostia antica e Fiumicino. Aggredito un militare mentre un uomo aggredito con una mannaia da un rapinatore è rimasto ferito, fortunatamente in modo non grave. Nove persone sono state arrestate per furto di energia elettrica all’Idroscalo e due a Fiumicino per furto di gas.
Ad Ostia i carabinieri del Nucleo radiomobile hanno arrestato con l’accusa di rapina due donne di nazionalità rumena, di 18 e 25 anni, entrambe senza fissa dimora e note alle forze dell’ordine per precedenti. Le balorde sono state sorprese a rubare pantaloni e t-shirt in un negozio del centro. Appena entrate nella boutique, con estrema disinvoltura, fingendosi normali clienti, avevano rimosso le placche antitaccheggio da alcuni capi, nascondendoli sotto i propri abiti, dirigendosi poi verso l’uscita senza passare per le casse. Il loro comportamento non è però passato inosservato ad un addetto alla vigilanza che ha subito chiamato il 112 e, nell’attesa dell’arrivo dei carabinieri, ha cercato di bloccare le ladre invitandole a restituire i capi sottratti. Le donne, però, hanno reagito aggredendolo. In quel frangente sono arrivati i militari dell’Arma che le hanno arrestate, restituendo la refurtiva al legittimo proprietario.
I militari dello stesso reparto sono poi intervenuti, in distinte operazioni, nella zona dell’Idroscalo di Ostia scoprendo che in cinque abitazioni, abitate rispettivamente da quattro coppie e da una persona di nazionalità italiana, rumena, cilena ed egiziana, la corrente elettrica per le case arrivava attraverso allacci abusivi praticati alla rete dell’Acea. Le nove persone sono state arrestate con l’accusa di furto aggravato di energia elettrica. Sul posto sono intervenuti i tecnici della società che hanno ripristinato gli impianti.
Nel corso di un altro intervento i carabinieri del Nucleo radiomobile sono intervenuti in via Vasco de Gama dove hanno arrestato per furto e resistenza a pubblico ufficiale un pregiudicato 25enne di origine bielorussa, ma residente a Ostia. I militari erano intervenuti poco prima a seguito della segnalazione del furto di una Ford Focus consumato in via delle Rande e, durante le ricerche, hanno intercettato il veicolo proprio in via Vasco de Gama dove, a seguito di un breve inseguimento, è stato bloccato. In questa occasione il ladro, pur di sottrarsi alla cattura, ha reagito con violenza colpendo al volto uno dei carabinieri, ma in pochi attimi è stato immobilizzato e arrestato. L’auto è stata restituita al legittimo proprietario.
Un ‘topo d’auto’ è stato arrestato dai carabinieri della stazione di Ostia. Si tratta di un pregiudicato lidense di 34 anni, sorpreso poco dopo aver rubato un autocarro Mercedes lasciato in sosta in via delle Canarie. Anche in questo caso il mezzo rubato è stato recuperato e restituito all’avente diritto mentre il ladro è finito in manette.
Nell’ambito dell’operazione “Strade sicure” i carabinieri della Compagnia di Ostia, con la collaborazione dei militari dell’Esercito Italiano, sono intervenuti in un parcheggio nei pressi della stazione “Lido Centro”, arrestando un cittadino rumeno di 21 anni responsabile di rapina e lesioni personali. L’uomo, poco prima, armato di coltello, aveva tentato di rubare il telefono cellulare ad un suo connazionale di 18 anni mentre stava passeggiando con un amico che, intervenuto in difesa del malcapitato, ha provocato la reazione del ladro. Durante la colluttazione, la vittima è stata ferita in diverse parti del corpo. L’aggressore è fuggito a piedi, nascondendosi tra le auto in sosta nelle vie limitrofe dove poi è stato rintracciato e arrestato. Il ferito, invece, è stato trasportato all’ospedale Grassi di Ostia ma non versa in condizioni gravi.
A Casalpalocco è stato arrestato un pregiudicato del luogo di 50 anni con l’accusa di rapina aggravata ai danni di un vicino di casa. Poco prima i due avevano litigato per motivi ancora poco chiari e, a seguito del litigio, l’aggressore, che si trovava agli arresti domiciliari proprio per furto, ha colpito il suo avversario con una mannaia ferendolo alle gambe ed al capo, per poi rapinarlo del portafogli. L’aggredito è stato medicato presso il nucleo di cure primarie di Casalbernocchi dov’è stato riscontrato affetto da un trauma al collo e da una ferita alla testa, per fortuna se la caverà con qualche giorno di riposo e cure mediche.
I militari di Vitinia hanno arrestato una donna rumena di 19 anni, senza fissa dimora, con l’accusa di furto e false dichiarazioni sull’identità a pubblico ufficiale. La donna è stata sorpresa a rubare articoli da toilette in un supermercato in via di Villa Cilone. Ai carabinieri, intervenuti grazie ad una segnalazione al 112, ha riferito di essere sprovvista di documenti, dichiarando a voce le proprie generalità, le successive indagini tecniche, hanno consentito di appurare che la donna aveva dichiarato false generalità. La merce, del valore di 250 euro, è stata restituita all’avente diritto.
Ad Acilia gli uomini dell’Arma della locale stazione sono intervenuti in un negozio di abbigliamento in piazza San Leonardo da Porto Maurizio, arrestando una donna rumena di 29 anni residente all’Idroscalo di Ostia, nota alle forze dell’ordine per precedenti. La ladra è stata sorpresa a rubare capi d’abbigliamento in esposizione su alcuni scaffali. Quando l’addetto alla vigilanza si è accorto del suo atteggiamento sospetto, ha deciso di seguirla constatando così il furto. La ladruncola si è quindi diretta con la refurtiva verso l’uscita senza passare per le casse. Ma a questo punto è intervenuto l’impiegato che ha invitato la ‘cliente’ a restituire la merce rubata ma è stato aggredito e malmenato. Provvidenziale è stato l’intervento della pattuglia dei carabinieri che ha bloccato la donna arrestandola: la merce rubata, del valore di 200 euro, è stata restituita al legittimo proprietario.
Ad Ostia antica è stato arrestato per furto aggravato un pregiudicato cileno di 27 anni. L’uomo, con l’aiuto di un complice che è riuscito a scappare, quando ha notato la gazzella dell’Arma è sceso da una Citroen C1, in seguito risultata rubata. Al suo interno, i carabinieri hanno rinvenuto alcune valigie rubate poco prima nei pressi dell’area archeologica dall’auto di un turista straniero al quale sono poi state restituite. Il ladro è stato bloccato e arrestato.
A Fiumicino sono stati arrestati due fratelli italiani di 34 e 42 anni, entrambi pregiudicati. Dopo accurate indagini, i militari hanno scoperto che i due avevano realizzato un allaccio abusivo dal contatore del gas di proprietà della società Enel-Gas al loro ristorante in via Cauriol: sono accusati di furto aggravato. Anche una donna di Fiumicino di 47 anni, sorpresa a rubare gonne e maglie in un negozio del centro commerciale ‘Parco da Vinci’, ‘pizzicata’ a rubare capi d’abbigliamento per un valore di 250 euro circa è stata arrestata. La merce è stata restituita al proprietario del negozio, mentre la donna deve rispondere dell’accusa di furto aggravato. Arrestato infine un pregiudicato fiumicinese di 40 anni, raggiunto da un ordine di cattura emesso a suo carico dal Tribunale di Roma. L’uomo dovrà scontare tre anni di reclusione nel carcere di Civitavecchia perché riconosciuto colpevole di furto.

Autore: Maria Grazia Stella
16 novembre 2015
da www.ostiatv.it

Chiedi informazioni Stampa la pagina