News

Leggile tutte
Ti trovi in: Home  »  raquo; News  »  Al via la traversata ‘Olbia-Ostia a nuoto per un mondo senza barriere
Condividi su  Facebook Condividi su  Twitter Consiglia la pagina

Al via la traversata ‘Olbia-Ostia a nuoto per un mondo senza barriere

Oggi, 31 agosto, si cimenteranno in questa impegnativa maratona i fondisti Luciano Vietri, Nicola Azara e Claudio Gargaro

Oggi i fondisti Luciano Vietri, Nicola Azara e Claudio Gargaro a nuoto attraverseranno, percorrendo 230 chilometri, il tratto del Tirreno che separa la località sarda dal mare di Roma. Una traversata compiuta da tre nuotatori ‘speciali’ che si alterneranno senza interruzioni fino alla meta, Ostia, con l’obiettivo di sensibilizzare l’opinione pubblica sulle difficoltà che ogni giorno affrontano le persone con disabilità.
Promotore di questa bella iniziativa, senza fini di lucro, è il vulcanico Luciano Vietri, nuotatore e allenatore Master, che l’anno scorso si è cimentato nuotando in solitaria per 126 km, in sette giorni, nel lago di Bracciano. L’atleta non è nuovo alle traversate: ha organizzato la ‘12 Ore Nuotando con AmOre’ in favore delle persone svantaggiate, e poi le traversate del Bosforo e dello stretto di Messina.
Con l’amico Claudio Gargaro, ex fondista azzurro negli anni ’90, ha progettato questa nuova impresa. La decisione si concretizza quando Luciano Vietri riesce a coinvolgere nella traversata Salvatore Cimmino, promotore de ‘A nuoto nei mari del globo – Per un mondo senza barriere e senza frontiere’, conosciuto a Genova in occasione di una 24 ore di nuoto a scopo benefico, che ha immediatamente dato la propria adesione. E così la Olbia-Ostia è diventata realtà. Salvatore Cimmino, nato a Torre Annunziata, (Na), nel 1964, è un atleta che vive e lavora a Roma. A 15 anni fu colpito da un osteosarcoma per combattere il quale i medici decisero l’amputazione della gamba a metà del femore. A 41 anni, però, su consiglio medico, si dedicò al nuoto e soltanto otto mesi più tardi, nel luglio del 2006, effettuò la sua prima traversata, la Capri-Sorrento di 22 km, senza l’ausilio di protesi performanti. E dopo iniziò il suo ‘sciopero nuotando’ per richiamare l’attenzione sui problemi del mondo della disabilità. Ai tre formidabili nuotatori un grosso ‘in bocca al lupo'!

Autore: Maria Grazia Stella
31 agosto 2015
da www.ostiatv.it

Chiedi informazioni Stampa la pagina