News

Leggile tutte
Ti trovi in: Home  »  raquo; News  »  Infernetto, picchia la moglie e la lascia sanguinante abbracciata al figlio
Condividi su  Facebook Condividi su  Twitter Consiglia la pagina

Infernetto, picchia la moglie e la lascia sanguinante abbracciata al figlio

L'aggressore era ubriaco

Una storia, orribile, che andava avanti negli anni e che ieri ha avuto il culmine. E' successo all'Infernetto, a pochi chilometri da Ostia. Un 50enne polacco è stato arrestato dagli agenti del commissariato di Ostia per maltrattamenti e lesioni nei confronti della moglie connazionale di 53 anni. Il tutto davanti al figlio di 9 anni.
A chiamare il 113, domenica alle 22 circa, sono stati i vicini di casa che hanno una donna urlare e il pianto di un bambino. Sul posto si sono immediatamente recare una volante della Polizia di Roma e una del Commissariato dal Lido diretto dal dottor Antonio Franco.
Al loro arrivo gli agenti hanno trovato la donna sanguinante, sdraiata a terra con vicino il figlio piccolo. L'uomo, completamente ubriaco, una volta visti i poliziotti ha tentato la fuga ma è stato fermato e portato negli uffici di via Zerbi ad Ostia. La vittima è stata trasportata all'ospedale Grassi di Ostia dove sono state riscontrate fratture al setto nasale, lesioni e lividi guaribili in 25 giorni. Una volta medicata, ha però chiesto di tornare a casa dal figlio.
Feriti lievemente, dall'uomo, anche due agenti che hanno riportato lievi lesioni con una prognosi di 5 giorni. Il 50enne è stato trasferito nel carcere di Regina Coeli dove al momento è detenuto in attesa della convalida. Gli investigatori indagano. Secondo le prime ricostruzioni la donna che fin dal 2006 aveva fatto ricorso alle cure mediche in più occasioni, senza però mai sporgere enuncia. Nel 2009 un fatto analogo. Il bambino non è stato malmenato, ma ha assistito alle aggressioni domestiche.

30 giugno 2015
da www.romatoday.it

Chiedi informazioni Stampa la pagina